stemma ministero

LICEO di LUGO

Liceo Scientifico St. G. Ricci Curbastro con sez. annessa di Liceo Classico Trisi-Graziani

La delegazione del Liceo Ricci- Curbastro di Lugo rappresenta l’Emilia Romagna durante le celebrazioni del 23 Maggio 2019 a Palermo

 

Una delegazione del Liceo Ricci – Curbastro di Lugo, composta da quattro studenti della classe 3ASA, Valentina Cristoferi, Martina Taroni, Andrea Marangoni, Lorenzo Ragazzini, ha presenziato alle celebrazioni previste a Palermo per commemorare le stragi di Capaci e di via D’Amelio, in rappresentanza della Regione Emilia Romagna.

Gli alunni si sono imbarcati il giorno 22 maggio 2019 sulla “Nave della legalità”, accompagnati dalle prof.sse Elisabetta Medici e Paola Morandi, in qualità di vincitori regionali del Concorso promosso dalla Fondazione Falcone in collaborazione con il Miur, dal titolo “Follow the money” da Falcone alla convenzione ONU di Palermo”. (Cliccare qui per vedere il video prodotto dai ragazzi)

Anche quest’anno la Nave della Legalità, messa a disposizione dalla Compagnia GNV (Grandi Navi Veloci), rientra in un percorso promosso dal MIUR per incoraggiare nelle scuole attività didattiche mirate alla cultura del rispetto e della legalità e per una cittadinanza attiva e responsabile. Si tratta di una manifestazione, che coinvolge numerosi studenti di tutta Italia, in particolar modo siciliani, organizzata a Palermo dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) e dalla Fondazione Falcone e svolta sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il Patrocinio del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati. L’obiettivo è dire in coro, a gran voce, “No a tutte le mafie” e ricordare il 27° Anniversario degli attentati in cui persero la vita i giudici Paolo Borsellino, Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e gli agenti delle loro scorte Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Rocco Dicillo, Vincenzo Li Muli, Emanuela Loi, Antonio Montinaro, Vito Schifani, Claudio Traina.

L’evento è realizzato anche grazie alla fattiva e quotidiana collaborazione fornita da Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza. L’evento in questi anni è andato arricchendosi di importanti contributi grazie agli accordi firmati con l’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC), la Procura Nazionale Antimafia e Antiterrorismo, il Consiglio Superiore della Magistratura (CSM), l’Associazione Nazionale Magistrati (ANM).

Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella è intervenuto al Porto di Civitavecchia per salutare gli studenti in partenza per Palermo, insieme al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Marco Bussetti, al Capo della Polizia Franco Gabrielli, al Procuratore Antimafia e Antiterrorismo Federico Cafiero de Raho, all’Amministratore Delegato Rai Fabrizio Salini.

Si sono diretti alla banchina n. 8 del Porto di Civitavecchia anche il Vice Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura (CSM), David Ermini; il Direttore generale del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza (DIS), Gennaro Vecchione; l’Assessore per lo Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Start-Up, “Lazio Creativo” e Innovazione della Regione Lazio, Gian Paolo Manzella; il Vice Sindaco della Città Metropolitana di Roma Capitale, Maria Teresa Zotta.

Gli studenti hanno effettuato il viaggio in nave insieme al Ministro dell’Istruzione, dell’ Università e della Ricerca Marco Bussetti, al Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, al Procuratore Nazionale Antimafia e Antiterrorismo Federico Cafiero de Raho, al Capo della Direzione Investigativa Antimafia Giuseppe Governale, alla Garante per l’infanzia e l’adolescenza Filomena Albano, alla Presidente Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni. Nei momenti di confronto e di incontro sulla Nave, i ragazzi hanno avuto l’onore e il piacere di ascoltare le testimonianze di Pietro Grasso e di Nando Dalla Chiesa.

Ai 1.500 studenti presenti sulla Nave della Legalità, il 23 maggio si sono unite le voci di oltre 70.000 ragazzi che in tutta Italia hanno partecipato alle iniziative contro le mafie nell’ambito di #PalermoChiamaItalia, la manifestazione promossa dal 2002 dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) e dalla Fondazione Falcone che si svolge sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e con il Patrocinio del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati. Una iniziativa che rientra in un percorso promosso annualmente dal MIUR per incoraggiare nelle scuole attività didattiche mirate alla cultura del rispetto e della legalità e per una cittadinanza attiva e responsabile.

Le principali attività legate alla commemorazione si sono svolte il 23 maggio a Palermo, nel giorno dell’anniversario della strage di Capaci. Le celebrazioni istituzionali hanno avuto luogo nell’Aula Bunker dell’Ucciardone, luogo simbolo del Maxiprocesso a Cosa Nostra, e sono state trasmesse in diretta televisiva su Rai Uno.

Tra le autorità presenti in Aula Bunker, ricordiamo il Presidente della Camera dei Deputati Roberto Fico, il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il Vice Presidente del Consiglio e Ministro dell’Interno Matteo Salvini, il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Marco Bussetti, il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, il Procuratore Nazionale Antimafia Federico Cafiero De Raho, il Presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati Pasquale Grasso e il Presidente della Commissione Antimafia Nicola Morra. Durante la trasmissione è stato effettuato un collegamento da Vienna con il segretario di Unodc (Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine) Yuri Fedotov. Presenti anche Ekaterina Trendafilova, President of the Kosovo Specialist Chambers, Samuel Gonzalez Ruiz, ex Procuratore messicano, il Commissario UE alla Sicurezza Sir Julian King, Louis Freeh, Direttore dell’FBI dal 1993 al 2001, William F. Sweeney JR, Assistant Director in Charge FBI, Robert Johnson, Assistant Director Criminal Investigative Division FBI, il Vicepresidente di Eurojust Filippo Spiezia, Antonio Balsamo, Consulente Giuridico della Rappresentanza permanente italiana all’Onu a Vienna, ed Eduardo Vetere, Segretario Generale della International Association of Anti-Corruption Authorities.

La Fondazione Falcone in collaborazione con il Miur ha organizzato molteplici iniziative nelle piazze e nelle scuole palermitane. Nel pomeriggio sono partiti i due tradizionali cortei di #PalermoChiamaItalia, che hanno visto protagonisti innanzitutto gli studenti e i docenti che rappresentavano le delegazioni regionali, unitamente a gruppi e ad associazioni presenti sul territorio. Il primo corteo è partito alle ore 15:30 da via D’Amelio, il secondo alle ore 16:00 dall’Aula Bunker. Entrambi si sono ricongiunti sotto l’Albero Falcone, in via Notarbartolo, per il Silenzio commemorativo, alle ore 17:58, l’ora della strage di Capaci.

Il “no” alle mafie è stato rilanciato il 23 maggio in molte città italiane, in una sorta di “staffetta” a distanza tra gli studenti, con iniziative sui temi della legalità (concerti, dibattiti, proiezioni, performance teatrali, gare, ecc.). A coordinare le attività nelle città coinvolte sono stati gli Uffici Scolastici Regionali.

Il tema dell’edizione di quest’anno di #PalermoChiamaItalia era dedicato alla Convenzione delle Nazioni Unite contro la criminalità organizzata transnazionale, firmata a Palermo nel 2000. La Convenzione, chiamata anche “Convenzione di Palermo”, è entrata in vigore il 29 settembre 2003 ed è stata ratificata da 189 Stati. Alla Convenzione è intitolato anche il concorso nazionale per questo anno scolastico dal titolo: “Follow the money. Da Giovanni Falcone alla Convenzione Onu di Palermo contro la criminalità organizzata transnazionale”.

Gli studenti del nostro Liceo hanno vinto la fase regionale del Concorso grazie al video “Mafia in 5 lettere” che evidenziava quanto gli orrori, le dinamiche e i modi con cui la mafia agisce possano incidere sulle emozioni e i pensieri di ragazzi loro coetanei, figli di vittime o carnefici. Attraverso cinque lettere, corrispondenti alle 5 lettere della parola mafia, i ragazzi hanno cercato di esaminare varie tematiche, collegate fra loro da un filo conduttore, dopo aver esaminato la Convenzione Onu di Palermo.

Si ringraziano sentitamente gli alunni Michele Golinelli e Claudio Baratta della classe 3 BS per la fattiva collaborazione.

 

Notizie

Importante Novità Registro Argo 2019/2020

08 Giu, 2019

Novità: dal prossimo anno scolastico l'applicazione Scuolanext lato docente sarà…

Classi vincitrici

EROI di IMPRESA si tinge di LICEO!

04 Giu, 2019

Il progetto Eroi di Impresa, organizzato dall'Unione dei Comuni della Bassa…

URP

LICEO SCIENTIFICO "LS G. RICCI CURBASTRO"

Viale Orsini 6 - 48022 Lugo (RA)

Tel: 0545 23635

Fax: 0545 27072

PEO: raps030001@istruzione.it

PEC: raps030001@pec.istruzione.it

Cod. Mecc. raps030001
Cod. Fisc. 82003530399
Fatt. Elett. UFWVBS

Area riservata